Olio extravergine d’oliva, come riconoscere quello di qualità!

Olio extravergine d’oliva, come riconoscere quello di qualità!
Non è difficile, individuare un olio extravergine d’oliva di buona qualità, e come si fa a scegliere quello migliore ?
Bisogna tenere in considerazione alcuni fattori importanti.
L’olio extravergine d’oliva è uno dei condimenti più utilizzati in assoluto. Esattamente come con il vino, anche l’olio evo va assaggiato per poter esaminarne appieno eventuali difetti nel gusto.

Solitamente una prova in stile sommelier può bastare per capirne l’essenza.

E poi c’è il colore, con le sfumature che devono variare dal giallo al verde. La conformazione cromatica dipende dalle specifiche zone in cui l’olio extravergine d’oliva viene prodotto.
Ci sono poi alcuni prodotti come le bruschette che sanno esaltarne il gusto, quindi questo è il modo ideale per provare.

Per quanto riguarda le zone di produzione, al Nord Italia il colore tende più al paglierino per sfumare invece nel verde al sud. Il verde, non solo indica un qualcosa di più giovane, ma una carica di polifenoli più intensa.
Anche il profumo ha il suo peso: la varietà dello stesso è molto ampia, ma basta che sappia di oliva, e per recepirlo al meglio bisogna prendere l’olio scaldato a 28°. Al naso la sensazione deve essere quella di fruttato, o di oliva verde oppure di oliva matura
Nel primo caso si sente un retrogusto di erba tagliata più o meno, nell’altro di qualcosa simile alla mandorla. Al contrario invece se notate delle impurità, un colore eccessivamente scuro ed un odore strano – per non dire cattivo – state alla larga da quell’olio.
Da gustare invece si fa così: si tiene l’olio in bocca per almeno una ventina di secondi, in piccola quantità. Avvolgete tutta la bocca e poi premete piano la lingua contro il palato.

Se desidera provare il nostro Olio EVO  abbiamo predisposto taniche da: Mezzo litro, 1 Litro e 5 Litri e se vuole può richiederlo Cliccando Qui

0
    0
    Carrello
    Il carrello è vuotoRitorna allo Shop